YOMBE – web interview – per Music Coast To Coast

YOMBE, un progetto campano, un duo interessante composto da Alfredo e Cyen, ex collaboratori dei Fitness Forever. In poco tempo, con un solo EP sulle spalle, hanno girato in lungo e in largo la penisola italiana, portando il proprio discorso musicale su palchi, club e festival. Una delle realtà più interessanti nel panorama musicale odierno, selezionata diverse volte per il mix di musica, danza, esotismo in grado di mettere insieme. Li abbiamo intervistati per la nostra rubrica dedicata agli artisti con grandi potenzialità da tenere sott’occhio.

Ciao ragazzi, subito una domanda diretta per voi: siete un duo elettro-pop che si conosceva già prima del progetto YOMBE, infatti venite entrambi dai Fitness Forever. Cosa vi ha portato a spostarvi in questa nuova direzione sonora?

Ciao! In realtà con i FF non scrivevamo nulla. Eravamo chiamati a suonare dei pezzi scritti ed arrangiati da Carlos, fondatore e mente creativa del progetto. Precedentemente ai Fitness, che possiamo definire un progetto estemporaneo per entrambi, abbiamo avuto altre esperienze musicali coltivando da sempre una passione per l’elettronica, l’R&B e il soul.

Quando abbiamo lasciato i FF sentivamo l’esigenza di tornare a scrivere musica nostra e abbiamo deciso di provare a farlo insieme.

– Singolarmente che percorsi culturali e sonori vi hanno caratterizzato prima di incontrarvi?

Alfredo: io ho studiato arte e parallelamente alla musica ho sempre dedicato del tempo all’attività di graphic designer / art director. Questo mi ha aiutato molto ad avere una visione d’insieme sui progetti in cui sono coinvolto potendo ricercare sul piano sonoro quanto su quello estetico.

Cyen: sto per laurearmi in Filosofia e Storia, un po’ per passione, un po’ perchè in futuro mi piacerebbe insegnare.

Prima di YOMBE scrivevo molto in italiano, in realtà continuo a farlo per affinare la penna e trovare la mia cifra stilistica anche nella nostra lingua.

– Il nome YOMBE cita l’arte africana e anche nei vostri video e nelle vostre sonorità si sente presente quest’eco. Da dove nasce quest’interesse?

Alfredo: in quanto studioso d’arte sono sempre affascinato dalle culture esotiche e trovo che ispirarsi a modelli arcaici e primordiali sia molto più stimolante che guardare costantemente al presente o al futuro. L’arte Africana è completamente diversa dai canoni Greci, è essenziale e povera, primitiva ma straordinariamente contemporanea. Nella nostra musica facciamo in modo che ci sia questo mix di culture campionando strumenti etnici come kalimba, mbira, steel drums, bolon per mischiarli con suoni sintetici e drum machines appartenenti alla contemporaneità.

L’articolo continua sul sito di Music Coast To Coast

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...