Recensione: Frantumi – per Fumettologica

Siamo fatti delle esperienze che viviamo. Siamo ciò che incontriamo, che assaggiamo, che respiriamo, che desideriamo: un puzzle, un complesso e intricato mosaico composto da esperienze, milioni di pezzi piccolissimi, alcuni ricchi di colori e altri monocromi, che accostati tra loro formano l’insieme. Ma proprio perché fatti di tante parti differenti, siamo fragili, deboli e spesso la nostra interiorità finisce per andare in frantumi quando subisce un colpo troppo forte.

Frantumi, graphic novel edito da Bao Publishing e creato da Giovanni Masi alla sceneggiatura e da Rita Petruccioli ai disegni, parla proprio di questa fragilità. Del finire a pezzi, del vedere la propria esistenza frantumarsi quando subisce un trauma tanto grande da non poter essere affrontato.

Leggi l’anteprima di Frantumi

La trama si sviluppa intorno alla relazione tra il protagonista Mattia e Sofia, la sua ragazza. Relazione complicata, che sembra incrinarsi sempre più ad ogni messaggio scambiato, ad ogni scritto cancellato e non inviato. Le parole non dette, la confusione, la paura di farsi avanti e di aprirsi all’altro, i dubbi, svelano in poche pagine una situazione di tensione nel loro rapporto, dovuta agli ostacoli della quotidianità, allo scorrere del tempo che logora la passione, alle paure e alle responsabilità che prendono il posto del desiderio. L’impossibilità di riuscire ad esprimere le proprie sensazioni, la propria interiorità, allarga le crepe del cuore di Mattia fino a distruggere il suo mondo.

Dalla frantumazione della realtà, Mattia viene catapultato in un universo a pezzi, un luogo surreale, abitato da individui “spezzati” a cui manca qualcosa, un pezzo di sé. Novello Ulisse, Mattia, in un mare rosso sangue, privato anche lui di un tassello, accompagnato da Laila, personaggio emblematico che ricorda vagamente la Ramona di Scott Pilgrim, intraprenderà un lungo viaggio alla ricerca di se stesso, del proprio pezzo mancante, per ricomporre il proprio mondo e far ritorno lì, dove ha lasciato Sofia.

Se la trama di Frantumi è semplice, una narrazione elementare (con alcune cadute sulla lingua, di cui diremo), al contrario il graphic novel nelle sue oltre 100 pagine è caratterizzato da una costruzione grafica e tecnica di grande efficacia.

L’articolo continua su Fumettologica.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...