3 Profili Twitter che riguardano la scrittura da seguire

Con Twitter le regole della scrittura, intesa come grammatica della scrittura, sono cambiate. Addio alle subordinate, spazio alla paratassi, alle frasi spezzate, sincopate, alle scritte rapide, incisive, ai tag e agli hashtag.

 

C’è chi ha vissuto questo cambiamento, questa lenta rimodulazione dello scrivere “social” in modo positivo, e chi invece ha gridato alla blasfemia, alla bestemmia, alla morte della grammatica, dell’arte del bello scrivere.

Come in ogni evoluzione e rivoluzione i giudizi sono contrastanti, come in ogni cambiamento ci vuole tempo affinché se ne possano vedere le reali potenzialità, i lati positivi e, in questo caso, i nuovi risvolti comunicativi.social-1989150_1280

Uno degli esempi più concreti dell’utilità del mezzo social nei confronti della scrittura, della letteratura e della cultura in generale – prettamente legato a Twitter –  è l’utilizzo che giornalisti, case editrici e scrittori ne fanno per promuovere le proprie opere, i propri lavori e i propri brand.

Perché? Prendendo ad esempio Twitter, social su cui ci concentriamo oggi, le motivazioni risultano semplici:

  • 140 caratteri garantiscono un messaggio diretto, immediato, che deve essere cristallino e incisivo, aumentando in questo modo, attraverso link e immagini correlati, il passaggio dell’utente dal social alla realtà in evidenza (ad esempio un sito internet) per poterne sapere di più;
  • L’aggiornamento continuo della home, senza filtri, permette la visualizzazione di ogni contenuto evitando la selezione classica dell’algoritmo di facebook;
  • L’utilizzo di hashtag e tag precisi, sperimentati fin dall’inizio della sua storia, garantisce la facilità di selezione personalizzata degli argomenti da parte degli utenti.
CHIARO, NO?

Ma oltre l’utilizzo del social per scopi prettamente divulgativi legati a realtà commerciali, economiche e personali, c’è molto altro. Nel tempo, Twitter nello specifico, è diventato il ritrovo di scrittori, letterati, amanti della poesia, della cultura, dell’arte, che preferiscono le dinamiche del mezzo rispetto ad altri, per poter condividere, postare, contenuti prettamente dedicati ai temi libri/arte/poesia.

È di fondamentale importanza, per un autore che decide di promuovere i propri lavori attraverso i social, conoscere quali sono le tendenze legate alla scrittura, quali sono i profili più attivi da seguire e in che modo utilizzare tali “scorciatoie” per dare maggior visibilità al proprio lavoro.

Ecco dunque, brevemente descritti, 3 profili Twitter che parlano di scrittura, arte, poesia, cultura e che vale la pena seguire:

Casa Lettori: Con quasi 50000 follower, propone hashtag dedicati alla poesia, alla scrittura e all’arte, ogni giorno (specialmente la mattina) presenti in tendenza. Generosa nel retweet, è una grande realtà da tenere sotto controllo.

Francesca Chiusaroli: Con quasi 10000 follower è la creatrice di #scritturebrevi (non solo un hashtag), un’occasione divertente e veloce per mostrare il proprio talento letterario in 140 caratteri

Reda Elena: Con quasi 5000 follower riesce ad essere spesso e volentieri in tendenza con i suoi gerundi di #scritturebrevi e #gerundiDiversi.

Seguite e sarete seguiti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...