Intervista ai Sixth Minor – per Music Coast To Coast

SIXTH MINOR, RACCONTANDO UN SOUND SPAZIALE

Abbiamo fatto due chiacchiere con una delle più interessanti band del panorama musicale campano: i Sixth Minor. Una vera eccellenza della musica sperimentale, che da pochissimo tempo hanno pubblicato il loro nuovo disco Amygdalae. I Sixth Minor sono una delle molte realtà del nostro territorio – Italia – da tenere assolutamente sotto costante controllo. La loro musica è un misto di potenza ed emozione, che sa emozionare, confondere e stupire ad ogni nota.

 

– Ciao ragazzi, cominciamo subito con una domanda diretta: tre anni di distacco tra il primo e il secondo disco, come mai questa lunga pausa? Cosa è cambiato, in modo personale, tra i due lavori?

Siamo sicuramente molto cresciuti e abbiamo passato molto tempo a sperimentare cose nuove. Da un duo inoltre, siamo passati ad essere un trio con l’ingresso nella band di Francesco. Questa lunga pausa è derivante da tanti fattori, in primis dai numerosi impegni lavorativi di ognuno di noi (Renato ad esempio da Napoli si è trasferito a Milano e successivamente in Germania a Monaco) e dall’altro lato i numerosi concerti che si sono susseguiti dopo il primo disco Wireframe che hanno tolto sempre più tempo alla finalizzazione del lavoro di produzione e registrazione di Amygdalae.

L’articolo continua su Music Coast To Coast

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...