Sei ancora giovane, anche se non ti senti giovane

Racconto raramente qualcosa di così direttamente personale all’interno dei post che finiscono nella categoria “blog”, eppure ora non trovo altro mezzo per comunicare. Ho un tema particolare in mente e forse scrivere a cuore aperto e con mano libera è l’unico modo per esprimerlo.

Oggi qualcosa di bello mi è accaduto, non dirò cosa per scaramanzia, e perché mi prefisso di scrivere in seguito, e in maniera più approfondita, maggiori dettagli su questo prezioso ed emozionante avvenimento. Contemporaneamente è accaduto qualcosa di brutto, un po’ come a voler ristabilire l’equilibrio piatto e monotono delle cose. La vita, dopotutto, è una bilancia e prima o poi i due bracci si equiparano per il peso, solo che questa volta, la sorpresa, il dubbio e la violenza del secondo avvenimento, hanno fatto pendere, inesorabilmente, uno dei due piatti..

Mentre il mio volto si riempiva di un sincero sorriso, il dubbio mi colpiva forte il cuore, l’animo: avevo ottenuto un bel successo, ma a costo di ammettere la mia ignoranza, la mia non completa preparazione, la mia incompleta formazione. Tutti i miei errori, le mie carenze, le mie scarse capacità mi erano state messe innanzi, una ad una, con tanto di spiegazione; erano lì, mi guardavano attraverso lo schermo del computer, attraverso le righe scritte di una mail, mi osservavano compiaciute, quasi come se dicessero: “Non sei così perfetto, vero? Dovevi immaginarlo”. Non ho mai creduto di esserlo, solo che credevo di essere più bravo di così, credevo di valere un po’ di più, ma è colpa mia, ho peccato di presunzione, ed è giusto che ne paghi le conseguenze. Ho preso consapevolezza dei miei limiti e alla fine, con la promessa di migliorarmi, mi è stata comunque data l’opportunità di godere e cogliere la gioia dell’avvenimento positivo sopra citato.

Ma questo è solo l’antefatto. Ho condiviso tale vicenda e tali sensazioni, per poterle meglio sopportare, per poter dar loro vita; è un mio modo di fare, per poter affrontare le cose ho bisogno che esse prendano corpo, ho bisogno di gettarle fuori. Ho condiviso le mie perplessità, i miei dubbi, i miei timori, sono stato rassicurato, ma una frase mi ha colpito nel profondo, diceva: “Sei ancora giovane”.
Tre parole che mi hanno destabilizzato non poco, facendomi riflettere a lungo.
Inizialmente ho pensato: “Io non mi sento giovane”, ed è così, io non mi sento affatto giovane, mi sento come se dentro di me portassi molti anni in più di quelli che ho, addirittura più di quelli che dimostro. Non mi sento giovane, soprattutto non ora che un tornado di eventi mi costringe, ogni giorno, a confrontarmi con un mondo che non riguarda la gioventù, un mondo grigio. Non mi sento giovane, mai, e il mio pensiero fisso è sempre lo stesso: sto sprecando tempo; ci scrissi una storia tempo fa: “Perditempo”. Ho sempre temuto di non fare o vedere abbastanza cose nella mia vita prima di morire; ho sempre avuto paura di morire senza aver vissuto abbastanza, non mi sono mai sentito giovane, ma sempre in ritardo, sempre troppo vecchio, sempre troppo pigro.

Eppure, a mente lucida, pensandoci bene, io sono giovane, e posso mentire a me stesso per tutto il tempo che desidero, ma io sono e rimarrò giovane ancora per un po’. Ho ancora tempo, e la mia fretta di crescere di realizzarmi, di realizzare, non deve essere una condanna o un peso, ma uno sprono, affinché quando sarò vecchio davvero, dentro e fuori, possa guardarmi indietro pensando a quanto ho realizzato, e così non aver più paura.

La verità è che io sono giovane anche se non mi sento giovane, e negare questa condizione è pura presunzione, c’è ancora tempo per fare, ottenere, crescere, desiderare, migliorare, scoprire, vivere, amare, piangere, viaggiare, sorridere, gridare, cantare, ballare. C’è ancora tempo per scrivere, suonare, disegnare, c’è ancora tempo per imparare. Soprattutto imparare. C’è ancora tempo per trasformare tutti questi infiniti in presente. Non servono altri lunghi sproloqui, bastano semplici parole, un concetto ben preciso che si faccia strada nella mente e si diffondi per tutto il cervello.

C’è ancora tempo, e ciò non deve essere motivo di accidia, mai. Deve essere un diverso, quanto nuovo, modo di vedere le cose. Io sono giovane anche se non mi sento giovane, e tutto ciò che ho realizzato fino ad ora, l’ho realizzato non per la paura di non poterlo fare dopo, ma perché sto preparando la strada per qualcosa di più grande, anche se non so cosa, che ancora deve venire.

Devo credere in questo. Ci credo? Ci credo.
Con umiltà. Con sincerità.
Sempre.

Annunci

15 thoughts on “Sei ancora giovane, anche se non ti senti giovane

      1. Anch’io preferisco quelli dispari. E anch’io alla tua età pensavo di essere vecchia, ma avevo già un vissuto pesantissimo alle spalle.
        Allora pensavo che la vita si concludesse dopo i 35 anni. La cosa curiosa è che lo penso anche adesso che ormai son ben lontana dai 30.

        Mi piace

  1. Vedrai che, paradossalmente, invecchiando, ti sentirai più giovane della tua età, come se il cuore si rifiutasse d invecchiare. È una bella sensazione, che dilata il tempo dei sogni e delle speranza, ti auguro di provarla.

    Mi piace

  2. anche io non sentivo la giovinezza e con il passare del tempo questa sensazione pesava sempre di più, tanto da non godermi gli anni spensierati. ora me ne pento, anche se so che non è colpa mia, nel senso che ho deciso io di sentirmi più vecchia. è l’esperienza di vita che ti fa sentire tale. ed ora mi sento strana per l’età che ho, perché sono consapevole di aver bruciato delle tappe e non posso tornare indietro.

    Liked by 1 persona

  3. Molto bello ciò che hai scritto e anche molto vero, nel senso che la tua sensazione è stata ampiamente provata (quando ero giovane). Da solo hai trovato risposta e soluzione all’inquietudine. Sì, è quella la strada, quella che stai preparando, quella in cui credere.
    C’è sempre tempo per fare e per fare ancora e meglio, per tutti e per ogni età. Almeno lo spero…
    Marirò

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...