Recensione: Corb Lund – Things That Can’t Be Undone; per MCTC

Avete presente il film Inside Llewyn Davis dei fratelli Cohen? Se non sapete di cosa sto parlando allora correte ai ripari e innamoratevi di questa pellicola; per ora vi basti sapere che l’intero film si basa sul folk e la musica country. Cosa c’entra con Things That Can’t Be Undone? Semplice: l’atmosfera che il disco di Corb Lund riesce a creare si avvicina molto all’ambientazione di quel film, seppur con toni decisamente più colorati. Things That Can’t Be Undone, nuovo disco del cantautore canadese Corb Lundedito da New West Records esce il 3 Giugno 2016. Nato sotto la guida del produttore Dave Cobb (Jason Isbell, Sturgill Simpson, Chris Stapleton) nel suo studio Low Country Sound a Nashville, patria del folk e del country.

Registrato insieme alla band The Hurtin’ Albertans (Grant Siemens alla chitarra elettrica e lap steel, Kurt Ciesla al basso e Brady Valgardson alla batteria), Things That Can’t Be Undon è disco sicuro di sé, capace di unire lo stile tipico di Lund ad un sound nuovo che mescola il suo spensierato honky tonk e stimolante alt-country con note blues cariche di malinconia come in Alice eyes e S Lazy H.

L’articolo continua su Music Coast To Coast

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...