Intervista a Roberto Ormanni & Il Quartet – per MCTC

Abbiamo intervistato Roberto Ormanni & il quartet, i suoi acustici compagni di ventura in occasione dell’uscita del nuovo EP che tanto sta facendo discutere in questi giorni. La cultura e la voce di Roberto ci hanno impressionato a tal punto che non potevamo fare a meno di porgli qualche domanda.

– Un giovanissimo cantautore accompagnato dal suo quartetto, decide di pubblicare il primo EP. Qual è e da dove nasce l’esigenza, il bisogno, di fare musica in un tempo in cui la creatività sembra avere sempre più un posto marginale nella nostra società?

E’ una domanda che mi perseguita. Cosa vuol dire fare arte, oggi? E qual è il ruolo dell’artista? E’ vero, viviamo in un mondo imbarbarito, fatto a prosa, un tempo in cui la creatività è relegata ai margini. Eppure sono convinto che la musica, il cinema, la letteratura, il teatro, la pittura, mantengano una precisa funzione, essenziale, forse oggi più che mai: aiutano a riconoscere la bellezza. La realtà è ancora piena di poesia, il problema è che non siamo più abituati né a guardarla né a sentirla.

In questo quadro e arriviamo noi, Roberto Ormanni & il Quartet. C’era davvero bisogno di un nuovo quartetto? Forse no. Ma saliamo su un palco perché ci piace emozionarci. Davanti ad una storia, davanti un film, davanti un libro, davanti ad una platea. E se attraverso una canzone anche noi riusciamo ad illuminare, almeno un po’, quella stessa bellezza che vediamo, allora non avremo suonato invano.

“Quello che non siamo” è il tuo primo lavoro, un EP di 5 tracce ricche di letteratura, citazioni e storie vecchie ma raccontate in modo nuovo. Quali sono le tue letture e i tuoi riferimenti culturali?

Ogni volta che compongo qualcosa si apre dentro di me uno spettro di riferimenti culturali, letterari e musicali. Alle volte attingo a questo calderone in maniera cosciente, altre volte i richiami avvengono inconsapevolmente. In questo ep, nello specifico, si può trovare tanta cultura novecentesca: Montale, Pirandello, Steinbeck, neorealismo. I miei riferimenti culturali partono da là. In quello sguardo che riusciva a coniugare il moto individuale dello spirito con le storie universali del mondo.

L’articolo continua su Music Coast To Coast

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...