Recensione: Gnut – Domestico per MCTC

È poesia quella che si sente quando si clicca play. La voce è la sua, riconoscibile, calda, sensibile e perfetta. Una voce che abbiamo imparato a riconoscere nel tempo che ci ha emozionato e che abbiamo, certamente, legato a momenti e persone importanti della nostra vita. Quella voce, troppo spesso sottovalutata: la voce di Claudio, Gnut, che con Domestico, il suo ultimo disco, ci ha regalato uno dei lavori più sinceri e luminosi del suo percorso musicale.

Nato grazie al crowdfunding, Domestico, è un disco di 7 tracce registrate in casa, sopra Piazza Dante a Napoli, tra i suoni caotici della città e i silenzi della controra. Domestico ha visto la collaborazione di diversi musicisti, dagli storici collaboratori di Gnut dell’album precedente (Mattia Boschi e Coffee), fino alla partecipazione di tanti amici musicisti dell’interland napoletano (Maurizio Capone, Daniele Sepe, Valerio Mola, Luigi Scialdone). Dopo 5 anni in cui l’artista non ha avuto dimora fissa, e dopo aver girato in lungo e in largo l’Italia visitando amici e conoscenti, Gnut ha deciso di stabilirsi nella sua città, quella vicino al cuore, Napoli. Lì ha curato tutta la pre-produzione del proprio disco, ascoltata poi da Piers Faccini che ha deciso di produrre il suo prossimo disco (che sarà pubblicato nel 2017) in Francia. Domestico è il frutto dei brani “scartati” da questo futuro disco. Dire “scartati” sembra brutto, poiché il termine dà l’idea di tracce meno belle, superflue, che non hanno superato la prova finale per poter entrare a pieno titolo in un lavoro “ufficiale”. Eppure ascoltando Domestico l’impressione che si ottiene è ben diversa; il disco, grazie all’aiuto di tanti musicisti e al mixaggio presso il Monopattino Studio di sorrento, e soprattutto all’aiuto dei raiser che hanno aderito alla campagna su Musicraiser, è un lavoro incredibilmente bello e maturo.

Il resto su Music Coast To Coast

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...