Pillole: Madre

C’era una donna, bellissima, nata con una rara malattia: ogni giorno perdeva una goccia di sangue. Quel male, così particolare e unico, non le provocava alcun dolore fisico, ma ogni volta che una piccola perla rossa toccava il suolo un frammento della sua anima svaniva. I dottori non potevano curarla, gli esperti sembravano inutili e la famiglia della donna non sapeva più cosa fare. Si disperava impotente. I medici riuscirono però, nell’analizzare la malattia, a determinare quanto tempo le rimanesse da vivere. Le diedero un’ampolla di cristallo creata su misura: ogni giorno avrebbe dovuto far cadere la goccia di sangue al suo interno. Quando quel contenitore si sarebbe riempito del tutto allora la donna sarebbe morta.
Così, obbedendo, ogni giorno della sua vita riempì l’ampolla. Man mano cresceva la consapevolezza che la fine si faceva più vicina, ogni giorno un po’ di più, ogni goccia un po’ di più.
Eppure quella macabra routine non la demoralizzava, non le impediva di vivere, né di realizzarsi, e intanto, in segreto un’idea germogliò nella sua mente, come un fiore piccolissimo che nonostante la mancanza di luce cresce comunque.
Compì ventisei anni e l’ampolla era quasi piena. Bastava una goccia sola. Una soltanto per decretare la fine. Tutti i suoi conoscenti e parenti erano disperati, piangevano e pregavano per lei: l’amavano tutti, e molto, poiché durante quegli anni, nonostante la malattia, la sua forza e la sua voglia di vivere, aveva dato coraggio a molti. Non erano pronti ad accettare la sua morte.

Nemmeno lei lo era, ma aveva un piano.

Sorrise, e una calma disarmante, guardò il sangue nel contenitore. Si decise.
Prese l’ampolla. L’aprì e ne versò un po’ del contenuto a terra.

Ora aveva altro tempo.

Siamo noi a decidere quando è finita davvero.

Annunci

2 thoughts on “Pillole: Madre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...